< Torna alle News

PARLIAMO DI NETWORK MARKETING - PARTE3

23/05/2015
PARLIAMO DI NETWORK MARKETING - PARTE3

Ma vediamo la differenza tra azienda piramidale e attività piramidale.

 

 

 

 

 

 

azienda-attivita-piramidaleAzienda Piramidale: è quando un’azienda assume nel suo schema principale una forma di piramide; quindi una qualsiasi classica azienda che vuole essere stabile ha una forma piramidale, che ha un vertice (titolare per esempio), e mano a mano che si scende ci sono le varie posizioni di responsabilità (dirigenti, quadri, impiegati, forza lavoro). L’importante è che la retribuzione a ogni livello provenga dal vertice e non dalla forza lavoro.

Attività Piramidale (schema di Ponzi): si parla invece di attività piramidale quando per entrare in questa “piramide”, una persona è costretta a pagare un contributo, senza ricevere nulla in cambio. Quindi si può dire che la piramide si inverte, nel senso che i soldi arrivano dal basso e non più dall’alto. Il fatturato di ciascun professionista derivava principalmente dai meccanismi di ingresso o di autoconsumo e non dalla vendita dei prodotti.

Il guadagno reale è proporzionale all’acquisizione di altri consumatori nel sistema e non alla vendita o al consumo dei prodotti. Gli incaricati sono finalizzati al reclutamento di altri venditori ai quali viene chiesto un contributo finanziario iniziale considerevole o la sottoscrizione di un programma di acquisti personali.

 

azienda-network-marketingOra, qual è la differenza tra Azienda Piramidale e Azienda di Network Marketing? Semplice, in un’azienda di Network Marketing la forza lavoro è data dagli incaricati indipendenti e queste aziende abbattono il 90% dei costi perché non collocano i propri incaricati in locali con spese fisse. Questi incaricati quindi svolgono l’attività senza investire denaro.

 

 

 

 

 


Il Network Marketing è quindi un sistema distributivo adottato da molte aziende in tutto il mondo, nato negli Stati Uniti più di 50 anni fa. Esso consiste nel movimento di prodotti o servizi dal produttore al consumatore in modo diretto, senza canali distributivi, ma attraverso una rete di distributori indipendenti.

 

 

 Clicca qui per leggere la quarta parte...